Legge elettorale: la Camera approva la riforma, passa al Senato -2-
12/10/2017 - 21:20

Sistema 36% uninominale - 64% proporzionale, soglie 3 e 10% (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 12 ott - Il testo approvato da Montecitorio prevede il 36% di parlamentari eletti in collegi uninominali con formula maggioritaria e il restante 64% in collegi plurinominali con metodo proporzionale. Il sistema maggioritario determinera' l'assegnazione di 231 seggi a Montecitorio e di 109 seggi a Palazzo Madama, mentre i seggi restanti deriveranno dal voto proporzionale. Non e' previsto premio di maggioranza. Il Governo viene inoltre delegato, entro 30 giorni dal via libera definitivo alla riforma, alla determinazione dei collegi uninominali e plurinominali. Vengono fissate soglie di sbarramento, identiche per i due rami del Parlamento, al 3% per le singole liste e al 10% per le coalizioni. E' prevista la possibilita' di candidarsi fino a un massimo di cinque collegi a voto proporzionale (ma le 'pluricandidature' non verranno ammesse nei collegi uninominali). Una norma consente poi anche ai residenti in Italia di candidarsi ed essere eletti anche all'estero. La proposta di legge introduce inoltre elementi di 'trasparenza', come l'obbligo per la lista di depositare il proprio statuto, o il cosiddetto 'tagliando-antifrode' ricavato sulla scheda elettorale. Questa riportera', nella sezione plurinominale, tra i due e i quattro candidati (l'elettore avra' un'unica scheda e non potra' esprimere un voto disgiunto). Sono state infine stabilite quote di genere (nessuno dei due puo' risultare rappresentato in misura superiore al 60%) e la regola dell'alternanza nelle liste plurinominali.

Bof-Fil

(RADIOCOR) 12-10-17 21:20:59 (0821)PA 5 NNNN