Kairos incontra i giovani 2018

11 ottobre 2018

Giovedì 11 ottobre, nella moderna cornice del Magna Pars di Milano, si è svolto l’annuale convegno di Kairos dedicato ai ragazzi under 30.

Il ciclo di incontri “Kairos per i giovani”, oggi alla sua quinta edizione, è nato nel 2011, un momento in cui l’Italia viveva un clima di pessimismo. Il messaggio che ha sempre voluto trasmettere è che Essere giovani in Italia non è una disgrazia e l’obiettivo è di dare speranza, motivazione e fiducia a chi sta per approcciarsi al mondo del lavoro e che si trova difronte al dilemma di scegliere che strada percorrere.

“Nelle edizioni passate abbiamo puntato molto sulla parte imprenditoriale, parlando di successo in termini economici, ma il successo è una parola con molte sfaccettature e non è solo questa l’unica accezione” così ha aperto l’incontro Paolo Basilico, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Kairos.

Il panel di speaker di quest’incontro è stato dunque differente: si sono susseguite sul palco tre storie di tre uomini di successo italiani, molto eterogenei tra loro, come sempre per offrire uno spunto, un “seme”, mandare un segnale da cui a volte può nascere qualcosa di interessante.

Matteo Salvo, mind performer, ha sottolineato come dall’evoluzione dell’uomo alla tecnologia, le cose cambino alla velocità della luce, mentre il sistema di apprendimento è sempre rimasto invariato. Per ottenere ciò che si desidera bisogna invece usare metodo, organizzazione: questa è la chiave di volta per avere successo.

Fisico teorico di fama internazionale, Carlo Rovelli ha affrontato il tema della formazione, condividendo con la platea il proprio percorso di vita e suggerendo ai ragazzi che, anche se non si ha un piano preciso, un progetto ben definito o un’ambizione specifica, l’importante è seguire le proprie passioni, facendosi guidare dalla curiosità.

Paolo Basilico ha poi raggiunto l’ultimo ospite sul palco, il Professor Andrea Sironi, Rettore dell’Università Bocconi di Milano, per ipotizzare insieme quale sarà il domani degli italiani e dell’Italia, un paese ricco di eccellenze che ha molto da offrire. Capire la propria predisposizione, essere critici, fare esperienze internazionali per poi tornare nel nostro Paese arricchiti sono stati solo alcuni dei consigli del Professore.

Sviluppare la qualità della resilienza è dunque il messaggio di Kairos e degli ospiti della serata dedicata ai ragazzi: tentare, seguire le passioni, buttarsi, affrontare gli ostacoli. E se si dovesse fallire, concentrarsi, capire dove si ha sbagliato e trovare la forza e l’energia per ricominciare.

Condividi

Contenuti multimediali

La visione di questi materiali è riservata