SCENARI E IDEE DI INVESTIMENTO

28 Gennaio 2019

Kairos, anche quest’anno, ha perseguito il suo obiettivo di diffondere informazione e cultura finanziaria attraverso il consueto appuntamento con la clientela privata del Gruppo. Si è svolto infatti, lo scorso 28 gennaio, presso la rinnovata cornice dell’Hotel Principe di Savoia di Milano, il convegno “Scenari e idee di investimento”.

Paolo Basilico, Presidente, CEO e Fondatore di Kairos, insieme a Guido Brera, Responsabile delle Gestioni Collettive, e ai gestori Rocco Bove, Federico Riggio, Massimo Trabattoni, Federico Trabucco e Vittorio Villa ha ipotizzato il nuovo scenario a seguito di un anno particolarmente complesso come il 2018, che ha visto protagonisti la fine del Quantitative Easing, l’incertezza politica e una correlazione tra tutte le principali asset class negativa, soprattutto in Europa. Per affrontare con più consapevolezza il futuro e cercare interessanti opportunità di investimento, è necessario, suggeriscono, osservare l’integrazione tra le Banche Centrali e il ciclo economico, che potrà offrire tassi di interesse e una matrice di rischio-rendimento interessanti.

Pio Benetti, Responsabile delle Gestioni Patrimoniali, Paolo Bosani, Portfolio Manager, e Alessandro Fugnoli, Srategist di Kairos, hanno dato invece una visione macro dell’andamento economico. Dopo un 2018 caratterizzato da un ritorno della volatilità, ci troviamo ora in una situazione di mercato in equilibrio, senza eccessi di euforia né di pessimismo. Cina e Stati Uniti sono senza dubbio al centro della discussione come osservati speciali, protagonisti di un antagonismo non più solo sul fronte commerciale, ma anche su quello tecnologico: la “trade war” lascerà dunque il passo ad una “tech war” che avrà effetti probabilmente ancor più rilevati a livello economico.

Questo è stato uno dei temi principali dell’intervento dell’ospite della serata, il Professor Niall Ferguson. Considerato uno dei maggiori storici di economia globale, saggista e biografo scozzese, era già stato ospite di Kairos nel 2011. Ferguson, in un excursus storico e geopolitico dello scenario mondiale, ha analizzato le recenti manovre della Fed e del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha affrontato il tema delle Big Tech, dello sviluppo dei Paesi Emergenti, di Brexit e dell’incertezza politica dell’Eurozona, cercando di formulare un quadro il più possibile realistico, di quello che potrà accadere nei mesi a venire.

Un convegno, dunque, dove si è ipotizzata insieme la strada da percorrere, partendo dal principio fondamentale della ricerca di valore, con stampo quasi artigianale tipico del DNA di Kairos. Allungare inoltre il proprio orizzonte temporale di investimento, non prendere decisioni “di pancia”, sono stati alcuni dei consigli del Gruppo per l’anno appena iniziato.

Condividi

Contenuti Riservati

La visione di questi materiali è riservata