Scenari e proposte d’investimento

3 febbraio 2016

Si è rinnovato anche quest’anno l’appuntamento a Milano al Principe di Savoia di Kairos con i suoi clienti.

Paolo Basilico, Presidente e Amministratore Delegato, ha fatto il punto: un anno difficile quello passato e un inizio altrettanto complicato in cui Kairos, applicando una strategia di difesa, ha confermato di saper tutelare i patrimoni della propria clientela. Una clientela che dimostra di continuare a riporre fiducia nel Gruppo, avendo contribuito in maniera sostanziale alla sua crescita anche nel corso del 2015.

Il 2016 offrirà a Kairos una serie di sfide, tra cui il progetto di quotazione in borsa, che darà al Gruppo ancora più stabilità e gli consentirà di rafforzare il suo vantaggio competitivo. Con questo nuovo assetto si affronteranno la volatilità dei mercati e uno scenario economico frammentato, in cui la geopolitica sta assumendo un ruolo di peso. Ed è proprio lo special guest Ian Bremmer, fondatore e presidente del Gruppo Eurasia, che ha spiegato, ripercorrendo i fatti principali che contraddistinguono la storia di oggi, quanto è importante la valutazione dell’impatto delle dislocazioni geopolitiche sui mercati.  Il 2016 sarà dunque un anno difficile per la crescita globale e dovrà affrontare molte questioni delicate.

Nella tavola rotonda con i gestori di Kairos si è sviluppato il tema ed è chiaramente emerso che i mercati sono malati, ma gli impatti sul ciclo economico saranno marginali.

“In un mondo in deflazione costante, con i tassi prossimi allo zero o negativi, esistono comunque valide alternative in termini di investimento” spiegano i gestori. “La gestione attiva continua a dimostrarsi lo strumento ideale per convertire  l’attività di stock picking, soprattutto  in fasi di correzioni, nelle migliori performance possibili. L’impostazione dei portafogli deve comunque rimanere prudente: anzi, in un momento in cui la correlazione tra azioni e obbligazioni è positiva, la cautela rischia di non bastare” puntualizzano.  In sintesi bisogna cambiare l’approccio: essere flessibili e dinamici per affrontare l’esplosione della volatilità.

Il quadro generale non è dunque disastroso: ci saranno onde di correzioni, in cui bisognerà saper cogliere le giuste opportunità, ma prima o poi si ripartirà, senza che si apra un ciclo ribassista.  “Non è l’anno per fare gli eroi”, sintetizza Alessandro Fugnoli, strategist di Kairos: “il 2016 sarà un anno di assestamento, di digestione degli ultimi sei anni di rialzi, in cui ci saranno molte trappole che bisognerà riconoscere per tempo”.

Insomma: pazienza, prudenza e difesa.

Per la pillola video dell’evento cliccare sul link: Vetrina dell’evento

La visione dell’intero convegno è riservata ai clienti Kairos. Per procedere cliccare al link “Scenari e proposte di investimento – gennaio 2016”.

 

Condividi