KAIROS VENTURES ESG ONE

KAIROS VENTURES ESG ONE

Kairos Ventures ESG One è un fondo FIA di diritto italiano di tipo chiuso e riservato a capital call e a distribuzione diretta. È il primo venture capital di Kairos e uno tra i primi fondi di VC sul mercato italiano che promuove i principi di sostenibilità, coerentemente con la strategia e la filosofia aziendale.

Investe in start-up e PMI innovative prevalentemente italiane – early e late stage – abbracciando quattro settori.

Il portafoglio è ampiamente diversificato con l’obiettivo di massimizzare i ritorni e minimizzare il livello di rischio. La durata del Fondo è di 10 anni.


Data di registrazione novembre 2021

Carta d'identità

  • tipologia

    Fondo di Investimento Alternativo (FIA) mobiliare chiuso

  • Stile di gestione

    Stile di gestione attivo, inteso come capacità di selezionare le opportunità di investimento grazie alla profonda esperienza del management team nel mondo delle start-up tech

  • Universo di Investimento
    Investe in start-up e PMI innovative italiane – early e late stage – almeno per il 70% del valore complessivo nei settori in rapida crescita quali:- B2B Digital Transformation (tra cui blockchain, 5G, big data, Internet of Things, AI);
    – Life Science (diagnostica, medtech, animal health);
    – New Space Economy (servizi e tecnologie per nano e microsatelliti);
    – Green Energy Technology (tecnologie per l’energia pulita e la transizione energetica, smart cities).
  • Obiettivo

    L’incremento del valore del patrimonio attraverso operazioni di investimento di media-lunga durata

  • Approccio ESG
    Il Comparto promuove caratteristiche ambientali e sociali ed investe parzialmente in investimenti sostenibili e, pertanto, è sottoposto all'obbligo informativo previsto dall'art. 8 del Regolamento (UE) 2019/2088. Ulteriori informazioni sono disponibili al link https://www.kairospartners.com/esg/informativa-sfdr/ e nel prospetto.
  • Livello di rischio
    • 1
    • 2
    • 3
    • 4
    • 5
    • 6
    • 7

PER SAPERNE DI PIÙ

INFORMATIVA SULLA SOSTENIBILITÀ

Sustainability-related disclosures

INFORMATIVA SULLA SOSTENIBILITÀ

Sustainability-related disclosures

  1. Sintesi

    Kairos Partners SGR (di seguito la “SGR”) è consapevole dell’importanza delle tematiche ESG ed ha integrato i processi dedicati all’analisi e al monitoraggio dei parametri ESG.

    La politica di investimento del fondo chiuso riservato di diritto italiano denominato Kairos Ventures ESG One (di seguito il “Fondo”) si focalizza su imprese, nelle prime fasi di vita, operanti in settori e mercati caratterizzati dalle sfide tecnologiche e commerciali derivanti dalla ripresa post-pandemia Covid-19, ovvero: (i) healthcare e tecnologie per la salute; (ii) digitalizzazione, software, internet of things e artificial intelligence e cyber security; (iii) new space economy; (iv) rivoluzione verde, sostenibilità e transizione ecologica.

    Le tipologie di società target del Fondo, ovvero startup ad alto contenuto tecnologico e i settori di riferimento sopra indicati rendono la strategia del Fondo allineata ad alcuni degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile (SDG).

    Il prodotto finanziario promuove caratteristiche ambientali o sociali, ma non ha come obiettivo un investimento sostenibile.

    Al fine della promozione delle caratteristiche ambientali o sociali del Fondo, all’interno del processo di investimento e monitoraggio viene svolta un’analisi sulle tematiche ESG delle società target del Fondo e si prevede il monitoraggio della attività in ambito ESG.

    La SGR si avvale sia di competenze interne dedicate, sia di consulenti esterni specializzati in ambito ESG quale fonte di dati e informazioni rilevanti sulla gestione dei processi ESG.

    Uno specifico indice di riferimento per il Fondo per il perseguimento delle caratteristiche ambientali e sociali non è stato designato.

    Scarica la sintesi 01.01.2023

  2. Nessun obiettivo di investimento sostenibile

    Questo prodotto finanziario promuove caratteristiche ambientali o sociali, ma non ha come obiettivo un investimento sostenibile.

  3. Caratteristiche ambientali o sociali del prodotto finanziario

    Kairos Partners SGR, società di gestione del fondo chiuso riservato di diritto italiano denominato Kairos Ventures ESG One, è consapevole che le tematiche ESG (environmental, social, governance) sono sempre più importanti nel mondo di oggi e costituiscono sia un’opportunità, ma talvolta anche una minaccia per l’economia globale. Lo sforzo di ridurre i rischi associati a questi fattori ha stimolato negli ultimi anni la ricerca di soluzioni innovative in tutti i campi e si prevede che porterà ad una crescita economica sostanziale nel medio-lungo termine.

    In tale contesto l’SGR ha integrato processi dedicati all’analisi e al monitoraggio di parametri ESG, consentendo di favorire ed accrescere la creazione di valore nel medio-lungo periodo.

    La SGR si è dotata di: i) una policy di gestione dell’Investimento Responsabile ii) di una procedura di investimento per il Fondo che tenga conto degli aspetti in tema di ESG (come indicato nella sezione 4) e iii) di strumenti interni, sviluppati al fine di analizzare le tematiche ESG delle società oggetto di potenziale investimento.

    La politica di investimento del Fondo si focalizza su imprese (di seguito le “Società” o le “Startup”) operanti in settori e mercati caratterizzati dalle sfide tecnologiche e commerciali derivanti dalla ripresa post-pandemia Covid-19 e su opportunità derivanti dalle risorse del c.d. Recovery fund. Il Fondo avrà quale principale focus di investimento imprese innovative operanti nei seguenti settori: (i) healthcare e tecnologie per la salute; (ii) digitalizzazione, software, internet of things e artificial intelligence e cyber security; (iii) new space economy; (iv) rivoluzione verde, sostenibilità e transizione ecologica.

    Il Fondo intende qualificarsi come OICR che investe prevalentemente in startup o PMI innovative e, quindi, si prevede che tali investimenti rappresenteranno almeno il 70% del valore complessivo delle attività del Fondo risultanti dal rendiconto di gestione.

    Le operazioni di investimento rientreranno nella tipologia delle operazioni c.d. early stage e growth/expansion capital, intese come operazioni di investimento a sostegno delle imprese nei primi stadi di vita.

    Le tipologie di società target del Fondo, ovvero startup ad alto contenuto tecnologico e i settori di riferimento sopra indicati, rendono la strategia del Fondo allineata ad alcuni degli Obiettivi di Sviluppo sostenibile (SDG) definiti dalla Nazioni Unite (ONU) come, a titolo esemplificativo:

    Obiettivo n.3 – Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età;

    Obiettivo n.7 – Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni;

    Obiettivo n.8 – Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena e produttiva occupazione e un lavoro dignitoso per tutti;

    Obiettivo n.9 – Infrastrutture resistenti, industrializzazione e innovazione;

    Obiettivo n.12 – Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo;

    Obiettivo n.13 – Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere i cambiamenti climatici.

    Nell’ambito di tale contesto e in linea con Obiettivi di Sviluppo sostenibile (SDG) sopra indicati, il Fondo promuove le seguenti caratteristiche ambientali:

    – L’uso sostenibile e la protezione delle acque;
    – La prevenzione e la riduzione dell’inquinamento;
    – La mitigazione dei cambiamenti climatici;
    – L’adattamento ai cambiamenti climatici.

    Le caratteristiche sociali riguardano principalmente:

    – Lo sviluppo del capitale umano;
    – Il rispetto delle diversità;
    – La salute e la sicurezza sul luogo di lavoro;
    – Il coinvolgimento delle comunità locali.

    Oltre a tali considerazioni di carattere generale, il Fondo adotta opportuni presidi nell’ambito della analisi e della gestione delle tematiche ESG, come descritti nella sezione 4.

  4. Strategia di investimento

    Date le caratteristiche ambientali e sociali del Fondo e la strategia di investimento, il Fondo non effettua investimenti in Società operanti nei seguenti ambiti: i) imprese che svolgono attività economiche illecite (intendendosi per tali la produzione, il commercio o altre attività che siano illegali e/o illecite ai sensi della normativa applicabile al Fondo o alle società rilevanti, e/o applicabile a tale produzione, commercio o attività); (ii) imprese che ledono manifestamente i diritti umani nell’esercizio della propria attività; (iii) imprese attive nella clonazione umana; (iv) imprese attive nella produzione o commercializzazione di sistemi militari; (v) imprese attive nella produzione o commercializzazione di materiale pornografico; (vi) imprese attive nella produzione o commercializzazione di soluzioni elettroniche o programmi che siano specificamente congegnati per permettere illegalmente: (x) l’accesso a network elettronici, e/o (y) lo scarico di dati in formato elettronico; (vii) imprese attive nella ricerca e sviluppo di programmi, soluzioni elettroniche o altre attività che diano specifico supporto ad uno dei settori od attività sopra riportati.

    Inoltre, oltre a quanto indicato nella sezione 3 relativa a settori target degli investimenti del Fondo e alla tipologia di imprese target e a quanto riportato in precedenza sulla esclusione di alcuni settori, il Fondo ha integrato nei propri processi e procedure di investimento specifiche attività in ambito ESG sia in ambito environmental, social che governance.

    Tali processi sono volti a promuovere caratteristiche ambientali e sociali, oltre che le pratiche di buona governance delle società investite

    Il Fondo ha sviluppato, con il supporto di consulenti esterni specializzati, degli strumenti per l’analisi delle tematiche ESG delle Società target, sviluppato in funzione delle settori industriali dove operano le stesse.

    Sulla base di tali analisi, vengono successivamente analizzati i rischi relativi a temi di ESG che sono presi in considerazione nella analisi delle funzioni di risk management, anche tramite il supporto di società esterne specializzate.

    Nell’ambito delle attività di c.d. due diligence vengo inoltre definiti, nei casi in cui questo sia possibile (in funzione di stadio di sviluppo della società ed effettivo ruolo del Fondo nella compagine sociale della stessa), delle aree di intervento su temi ESG che posso essere di breve, medio o lungo periodo.

    Le attività svolte dalla Società su tematiche ESG, nei casi in cui sia possibile, vengono monitorare tramite le informazioni inviate dal management della società in funzione degli specifici accordi sottoscritti tra il Fondo e la Società stessa (per esempio concordando una previsione di attività specifiche in ambito ESG sulla base, anche, del settore di appartenenza).

    In relazione ai PAI, nei casi in cui sia possibile, viene inserito, all’interno degli accordi tra il Fondo e la Società, che eventuali PAI vengano segnalati alla SGR tramite modello previsto dalla policy di Kairos.

    Infine, nell’ambito dei processi di disinvestimento delle Società, saranno analizzati i progressi inerenti alle tematiche ESG durante il periodo di gestione.

  5. Quota degli investimenti

    Il Fondo, nella selezione e gestione degli investimenti, presta particolare attenzione ai fattori ambientali, sociali e di governance (ESG), come descritto nelle sezioni 3 e 4. A tali fini l’SGR ha adottato una politica di investimento responsabile, definita come l’inclusione di fattori ESG nelle decisioni di investimento.

    Il Fondo potrà investire in attività sostenibili (come a titolo puramente indicativo attività ecosostenibili), selezionate e valutate in base alla politica di investimento del Fondo, senza tuttavia definire a priori una quota minimi di investimenti sostenibili.

  6. Monitoraggio delle caratteristiche ambientali o sociali

    Come indicato nelle sezioni 3 e 4, a valle del processo di investimento in una Società e nei casi in cui sia possibile, vengono identificate aree di azione su tematiche di natura ESG e viene concordato con la Società un piano di attività su tali aree.

    Il monitoraggio della attività in ambito ESG viene, quindi, inserito e considerato nell’ambito del monitoraggio complessivo della Società in portafoglio del Fondo assieme, per esempio a indicatori di sviluppo del business o indicatori finanziari.

  7. Metodologie relative alle caratteristiche ambientali o sociali

    Al fine della promozione delle caratteristiche ambientali o sociali del Fondo, all’interno del processo di investimento e monitoraggio viene svolta un’analisi sulle tematiche ESG delle Società target del Fondo come indicato nella sezione 4 e 6.

  8. Fonti e trattamento dei dati

    La SGR si avvale sia di competenze interne dedicate, sia di consulenti esterni specializzati in ambito ESG quale fonte di dati e informazioni rilevanti sulla gestione dei processi ESG.

    Nell’ambito di tale contesto sono stati utilizzati, a titolo esemplificativo e non esaustivo, le seguenti fonti di riferimento nei sistemi informativi sviluppati tramite consulenti specializzati atti a supportare le analisi ESG delle Società: i) Sustainability Accounting Standards Board (SASB) ii) Global ESG Benchmark for Real Assets (GRESB) iii) S&P Global Rating.

    I dati vengo acquisiti sulla base delle informazioni fornite dal management della Società, in funzione degli accordi specifici previsti con la stessa.

    La percentuale di dati stimabili è funzione delle caratteristiche della Società e dal livello di interazione tra il management e il Fondo in funzione delle caratteristiche delle Società, per esempio, lo stadio di sviluppo imprenditoriale e il settore industriale nonché dal ruolo del Fondo (per esempio investitore di minoranza o maggioranza, presenza o meno di altri investitori).

  9. Limitazioni delle metodologie e dei dati

    La mancanza di dati forniti dalle Società rappresenta un fattore limitante ai fini della promozione delle caratteristiche sociali o ambientali.

    Tale mancanza appare verosimile data la specifica strategia di investimento del Fondo indirizzata in particolare a Società c.d. startup in fase di sviluppo c.d. early stage pertanto non strutturate, diversificate tra loro, con limitate risorse economiche e operative e, tendenzialmente, senza massa critica dimensionale che rende meno l’applicabilità di taluni parametri in ambito ESG.

    Al fine di ridurre tale rischio, nei casi in cui sia possibile, vengono concordati set informativi specifici con ogni Società sulla base delle caratteristiche delle stesse.

  10. Dovuta diligenza

    Come indicato nelle sezioni 4 e 6 i processi interni predisposti prevedono una apposita attività di analisi delle tematiche ESG che vengono effettuati durante l’intera fase dell’investimento delle Società, a partire dalle analisi delle tematiche ESG a monte dell’investimento, al monitoraggio durante la gestione dell’investimento fino alla fase di dismissione.

  11. Politiche di impegno

    Le politiche di impegno sono gestite a livello di SGR tramite, in particolare, una specifica policy di riferimento definita “L’investimento responsabile di Kairos”.

    I processi di investimento predisposti per il Fondo favoriscono inoltre un’attività di education ed engagement con le Società dato, in particolare, lo stadio di sviluppo inziale.

  12. Indice di riferimento designato

    Uno specifico indice di riferimento per il Fondo per il perseguimento delle caratteristiche ambientali e sociali non è stato designato.

IL NUOVO
MAGAZINE DIGITALE DI KAIROS
E’ ONLINE